L'uscita di parete nel padel tennis

Se dovessimo stilare una classifica degli sport più richiesti e praticati negli ultimi anni, il Padel si piazzerebbe certamente sul podio se non al primo posto. Dalle strutture agli appassionati, la crescita è stata esponenziale. Una divertente ed appassionante variante del tennis, caratterizzata da 8 colpi fondamentali che sono: il servizio; il dritto e il rovescio; il pallonetto; l’uscita di parete, la volèe, la bandeja, la vibora e lo smash.
Imparare a capire i segreti e la tecnica di ognuno di questi colpi, può fare la differenza se si entra in campo per vincere e non solo per partecipare! In questa news vi raccontiamo tutto quello che c’è da sapere sull’uscita di parete, in modo da migliorare il livello di gioco.

Innanzitutto con l’uscita di parete si intende il colpo che si gioca dopo che la palla ha colpito il vetro di fondo o quello laterale del campo. Eseguirlo con astuzia e con una buona preparazione, può essere decisivo sia in fase difensiva che, soprattutto, in quella offensiva. Per poter utilizzare al meglio la tecnica dell’uscita di parete, è necessario imparare bene a riconoscere ed intuire la traiettoria della palla e, in base a questo, decidere se conviene farla rimbalzare prima contro la parete oppure anticipare la risposta colpendola direttamente dopo il ribalzo a terra. Naturalmente come per ogni tecnica sportiva, serve molto allenamento e magari le prime volte ci si può trovare in difficoltà nello scegliere tra le due opzioni.

Una volta che si è scelto di rispondere all’avversario utilizzando l’uscita di parete, abbiamo diverse opzioni da poter adottare a seconda di come la palla ci viene incontro. Nel caso in cui ci si trova di fronte ad una palla lenta, la soluzione ottimale è quella di rispondere con un pallonetto, in modo da poter scavalcare l’avversario e scendere a rete. Altre possibilità si presentano di fronte ad una palla di velocità media e in questo caso, è possibile giocare una risposta veloce sul corpo del giocatore a rete oppure rispondere con un passante tra i due giocatori rivali. Se infine la palla alla quale si deve rispondere è a velocità sostenuta, allora è possibile scegliere di rispondere accompagnando la palla a rete ed effettuare così una “chiquita”.

Nel Padel come nel tennis, può presentarsi la situazione per cui l’avversario ci scavalca con un pallonetto e, in questo frangente, è possibile scegliere tra due diverse risposte. La prima soluzione è colpire la palla con un back spin e indirizzarla tra i due avversari. Per effetto del back spin che si è impresso alla palla, quando questa toccherà terra tenderà a restare bassa, rendendo quasi impossibile la risposta del vostro rivale. Se invece dopo che il pallonetto ci ha scavalcato e la palla rimbalzando sulla parete si trova ad un’altezza sopra la nostra spalla, si può rispondere in modo più aggressivo colpendo la palla di piatto e incrociando sulla diagonale del campo.

Per diventare bravi nel colpo dell’uscita di parete e nello sport del padel, è quindi necessario allenarsi, avere un buon maestro e disporre della struttura idonea. A Roma è possibile trovare tutto questo nel centro sportivo Green House Sport.

Management by Creare e Comunicare - Webcoding by Digitest



Questo sito utilizza cookie per il suo funzionamento Maggiori informazioni